scrittura online

Scrittura onlineSi tratta di un’evoluzione necessaria a cui stiamo assistendo ormai da anni. Gli scrittori sono sempre di più presenti online con le loro opere e la loro professionalità. Viene da chiedersi  come ci stiano questi scrittori online. Se sia una presenza gratificante o faticosa, difficile da affermare o meno.

Bisogna dire che inizialmente l’approccio con il web da parte degli scrittori è stato timido, anzi, per qualcuno ha rappresentato un vero e proprio rifiuto: per molto tempo si è rimasti radicati all’idea che lo scrittore sia – o debba essere –  lontano dalla dimensione social.

Per fortuna non è più così. Io mi occupo di scrittura online, sono editor e ghostwriter e devo molto alla mia presenza social e in modo particolare all’utilizzo di Telegram su cui ho aperto un canale dedicato proprio alla scrittura, si chiama @writingway  e in questi anni è cresciuto molto portandomi contatti e contribuendo ad incrementare la mia attività. 

Credo che Telegram sia un’opportunità valida, un territorio da conquistare nel migliore dei modi e si riveli utile per tutti i professionisti,  quindi anche per chi scrive e vuole entrare sempre più in contatto con il proprio pubblico.

Come usare Telegram per diffondere la scrittura online

Chi pratica la scrittura online si domanda come usare Telegram nel modo migliore senza commettere errori e al fine di renderlo produttivo per le diverse esigenze di branding e di business. Ancora più nello specifico, nel mio ambito, molte persone mi chiedono se sia davvero proficuo per gli scrittori online e quale sia la modalità giusta di utilizzo.

Penso che la migliore risposta la possa dare  Marta Pellizzi, imprenditrice digitale ed esperta di Telegram,  a cui ho posto la questione: “pensi che Telegram possa essere uno strumento utile a chi scrive, agli scrittori, agli autori, e sotto quale aspetto in particolare?

Ed ecco che cosa mi ha detto: Sì, certo. Telegram è uno strumento molto innovativo, una piattaforma multifunzione ideale per ogni professionista o professione.  Oggi è indispensabile valutare strumenti come Telegram da integrare all’interno della propria strategia di Personal Brand. 

Telegram può fungere da strumento per il marketing e la comunicazione. Scrittori, autori ed editori possono usarlo per promuoversi o per attivare piani comunicativi per i propri team. Chi si dedica alla scrittura online non dovrebbe prescindere da questo strumento. Ad esempio, uno scrittore potrebbe collegarsi con il suo team tramite un gruppo chiuso e inviare attraverso esso il materiale relativo al progetto editoriale. Oppure creare un canale per aggiornare il proprio pubblico, la propria community. Perché usare proprio Telegram?

Perché Telegram è l’unico mezzo al mondo sicuro e che offre in un luogo solo molte funzionalità che la concorrenza ha sparse per i social network o le altre app di messaggistica istantanea. Con un gruppo Telegram si possono gestire le conversazioni con dei filtri anti-spam o anti-emoji, sfruttare la possibilità di inviare file singoli o cartelle zippate fino a 2GB ciascuno, usare la ricerca interna per trovare con semplicità messaggi inviati o materiali condivisi. Poi esiste la possibilità, qualora si volesse fare Personal Branding, di creare un canale per diffondere informazioni e guide. Questi sono solo un paio di esempi. Le opportunità d’uso e gli obiettivi raggiungibili sono davvero tanti. Il mio suggerimento è di iniziare a usare Telegram, scaricandolo gratuitamente per il proprio smartphone o PC, e scoprire quindi il mondo infinito delle features professionali per il business“.

 

Come usare Telegram al meglio? Ti consiglio due libri 

Utilizzare bene Telegram richiede un minimo di formazione mirata. Ecco perché voglio consigliarti due libri che ti saranno utili per conoscere questo strumento e per renderlo produttivo. Uno è il primo libro scritto da Marta Pellizzi  “Rivoluzione Telegram”, edito da Flaccovio Editore: è un testo attraverso cui potete davvero capire che cosa sia e come funzioni Telegram e apprendere le basi principali per avviare canali e gruppi.

In questo testo l’autrice evidenzia l’importanza di avere una strategia con obiettivi precisi e, in modo particolare, ci mostra come attuare il nostro piano strategico, attraverso quali strumenti: gruppi, canale pubblico, canale privato. Emerge qui un concetto che reputo fondamentale: l’esclusività dei contenuti pubblicati in Telegram. Per quanto mi riguarda, sul mio canale Writing Way, ho creato rubriche specifiche – anche audio – che pubblico solo sul canale. Faccio eccezione per  gli eventi che comunico su tutti i miei account social ma il resto è davvero dedicato agli utenti Telegram. Credo sia un vero plus per chi ci segue. 

Insisto spesso con gli scrittori con cui lavoro ma anche con altri professionisti sul valore di Telegram in una strategia di comunicazione.

Quando si sta scrivendo un libro può essere interessante condividere l’iter, raccontare quale metodo si stia seguendo, quali difficoltà s’incontrino; gli scrittori possono avviare gruppi di scambio di idee sia con altri autori (magari affrontando l’argomento case editrici e mondo editoriale) sia con il pubblico. Si potrebbe addirittura coinvolgere il pubblico nella creazione di un personaggio o sperimentare un lavoro di scrittura condiviso e comune. 

Come raggiungere nuovi clienti con Telegram 

Il secondo testo, sempre di Marta Pellizzi, è un ebook, uscito da poco Come raggiungere nuovi clienti con Telegram 

Voi scrittori direte: clienti ? Certo, il vostro pubblico ma anche chi possa essere interessato ad avervi come ospite ad un evento, ad intervistarvi, ad acquistare i vostri libri. E chissà anche qualche editore. Gli editori sono sempre più attenti alla comunicazione social degli scrittori, anzi, devo dire che la presenza sul web e il numero di follower sono diventati elementi di valutazione per la pubblicazione. Certo, dopo aver appurato il valore del testo (così dovrebbe essere).

In questo ebook – di cui ho curato con orgoglio l’editing – apprendiamo come creare un ottimo profilo Telegram e quali siano gli elementi che lo rendano di qualità. Ma soprattutto impariamo e comprendiamo come Telegram costituisca davvero un’opportunità di coltivare un personal brand di qualità e offra occasioni di lavoro, di business,  in uno sviluppo che ha ancora un grande margine di crescita. 

 

Ti aspetto su Telegram

A questo punto ti aspetto su Telegram. Potrai scoprire numerosi canali tematici in base ai tuoi interessi.

Per quanto mi riguarda t’invito sul mio canale Writing Way dove potrai ascoltare audio dedicati all’editing, rubriche di grammatica (Scrivere bene) ma anche quella molto interessante dedicata a libri e manuali di scrittura e comunicazione (Ti consiglio un libro). A queste si aggiungono altre due rubriche: Scrittura Terapeutica e Scrivere&Comunicare). 

 

 

LEGGI ANCHE

Lavorare nell’editoria: quali sono oggi le professioni?

Lavorare nell’editoria: quali sono oggi le professioni?

C'è ancora possibilità oggi di lavorare nell'editoria? Va detto che il settore ha subito un'evoluzione che ha inciso sulle modalità di svolgere le diverse professioni editoriali. C’erano una volta le case editrici che raccoglievano in sé buona parte delle figure...

Come scrivere i titoli efficaci e coinvolgenti

Come scrivere i titoli efficaci e coinvolgenti

Se ti stai chiedendo come scrivere i titoli dei tuoi articoli o dei tuoi libri sappi che la domanda è più che mai legittima perché i titoli sono importanti, costituiscono non solo il biglietto da visita con cui si presenta un testo ma, se ben pensati, sono in grado di...

I dialoghi: come scriverli bene e renderli efficaci

I dialoghi: come scriverli bene e renderli efficaci

I dialoghi: diciamo la verità, quando leggiamo un racconto o un romanzo, i dialoghi sono i momenti che ci piacciono di più, quelli in cui abbiamo la sensazione di vedere in azione i personaggi di cui ci siamo fatti un’idea precisa nella testa. La sequenza dialogica in...

Crowdfunding libri: editoria e opportunità per scrittori

Crowdfunding libri: editoria e opportunità per scrittori

Oggi, con sempre più insistenza, si parla di crowdfunding libri. Che cosa significa? Possiamo dire che, insieme all’editoria tradizionale e al self publishing, il crowdfunding sia diventata a tutti gli effetti la terza via di pubblicazione di libri, a mio avviso una...

Come fare un buon tema? Consigli da applicare subito

Come fare un buon tema? Consigli da applicare subito

Abbiamo fatto tutti i conti con il tema e magari ci siamo domandati: come fare un buon tema? Il tema: per alcuni studenti rappresenta la formula migliore per esprimere se stessi, per altri un incubo. E tra i luoghi comuni che si sentono ripetere c’è anche quello di...

Pin It on Pinterest

Share This