come scrivere un best seller
Come scrivere un best seller: vero che ti sei fatto questa domanda? Se ami scrivere sono certa di sì.
Non è facile riuscire a scrivere un libro che venda milioni di copie, che si amato, diciamolo, in tutto il mondo o almeno nel proprio Paese.
Ci sono delle regole, o meglio degli step, imprescindibili se vuoi tentare questa strada.

Come si scrive un libro di successo

La prima cosa, imprescindibile per fare del tuo libro un best seller è aver scritto un buon libro? No. Ci sono stati best seller nella storia della letteratura (o meglio del commercio della letteratura) che non erano per nulla dei buoni libri. Ma io penso che ogni autore che si rispetti debba avere come principio quello di scrivere bene e di aver fatto tutto il possibile per produrre un buon testo.
Se vuoi che ti ricordino per la qualità la prima regola è aver scritto bene, essere certo di aver prodotto un testo valido sotto ogni punto di vista. Quindi alla domanda come scrivere un best seller, la risposta è: scrivere bene.

La copertina del tuo libro: la prima cosa che si vede

Il secondo consiglio è quello che il tuo libro abbia una bella e accattivante copertina. In questi ultimi tempi mi è capitato di leggere storie interessanti di esordienti appena pubblicati con copertine vecchie, graficamente appartenenti ad altra epoca, con nessun appeal per i lettori. Affidati a qualcuno che abbia fatto un minimo di studio di comunicazione e che sia aggiornato in materia. Se pubblichi con un editore pretendi di vedere la tua cover e di approvarla. Molti editori non concedono questa possibilità ma secondo me dovresti chiedere che venga inserita nel contratto editoriale.

Recensione di un libro: uno scambio tra autori

Veniamo al terzo consiglio. Sia che tu ti sia auto-pubblicato o abbia trovato l’editore giusto, il passaparola è molto importante. Il primo veicolo saranno i tuoi amici, i tuoi supporter, i fan delle tue pagine e chi ti segue sui social. Ma puoi attivare una rete di contatti dove il favore sarà reciproco: altri autori possono ospitarti sulla loro pagina (tu poi farai altrettanto), puoi chiedere recensioni a blogger che si occupano di libri; considera di destinare qualche copia omaggio per giornali e riviste (soprattutto on-line).

Promuovere un libro: pratica da imparare

Se pensi ancora a come scrivere un best seller , il  quarto consiglio è chiaro: promuoviti. L’ azione di un editore oggi non basta più a far vendere un libro. La presenza dell’autore è è indispensabile. Che cosa puoi fare per promuoverti? Essere presente con contenuti utili e interessanti. Su fb, su twitter, sul social che più ti è congeniale. inoltre, che siano contenuti tuoi non semplici condivisioni. Che sia il racconto di te, del tuo rapporto con la scrittura, della strada che hai seguito per divenire un autore a tutti gli effetti.
La  writer coach Rochelle Melander scrive che nel momento in cui pubblichi un libro la promozione del tuo volume  deve diventare un lavoro per te.

Eventi dedicati ai libri: fatti adottare

Il quinto consiglio che condivido con te è tipico del mondo anglosassone meno nel nostro: lo sponsor. Molti autori trovano uno sponsor a cui abbinare il libro o con cui condividere la pubblicità. Da noi è meno usuale però potresti diciamo farti adottare da qualche (importante) manifestazione dedicata ai libri, alla cultura, alla scrittura (o in cui questi ambiti abbiano un loro spazio) e concordare una promozione reciproca.
Questo ti servirà per farti conoscere. Potrebbero inseriti in catalogo, riservare un momento alla promozione del tuo libro e tu potresti scrivere articoli per pubblicizzare l’evento. E chiedere che negli articoli della manifestazione si parli di te. In genere questo tipo di accordi si prendono con gli uffici stampa che dovrebbero, per etica professionale, leggere il tuo libro (e apprezzarlo).
In realtà ci sono altri aspetti importanti per promuovere il proprio libro, questi però sono i primi passi che puoi fare e che portano risultati. Inoltre tutto questo raggiunge subito uno scopo: fa crescere nel pubblico la percezione del successo del tuo libro. Non è poco.
Se mi segui vedi che il mio lavoro è incentrato su dare indicazioni per iniziare a scrivere e poi portare la scrittura ad un alto livello. Devi essere capace di valutare la tua scrittura.

LEGGI ANCHE

Editoria italiana: come trovare quella buona

Editoria italiana: come trovare quella buona

Editoria italiana, come sta? Bene ma non benissimo. Crescono le vendite di libri e questo è confortante. Ma, dall’altra parte, gli autori sono sempre più sfiduciati per la difficoltà di instaurare rapporti con veri editori. Come possiamo distinguere la buona editoria da tutto il resto?

Pin It on Pinterest

Share This