Vision con la rivoluzione d'amore

Vision è un momento di profonda indagine all’interno di se stessi. Nel tempo è diventato un format, un corso. Dietro ci sono anni di studi, di prove (su me stessa prima di tutto), di raccolte dati, di occhi spalancati e respiro profondo per il bene che raccontarsi può fare alle persone. Questo vorrei che ci si portasse a casa alla fine di una giornata “Vision”: il bene che ci viene dal dedicare attenzione alla propria storia.

Lì il segreto, il filo conduttore che ci guida da sempre. Cerchiamo – ed è giusto – al di fuori un senso, seguiamo molte strade e tutte ci arricchiranno di esperienza ma non diamo al nostro vissuto l’attenzione che merita.

Narrare se stessi, le persone che hanno condiviso la strada con noi, i luoghi che ci hanno ospitato, le parole e i gesti che ci hanno confortano, i sì e i no è opera di riappacificazione e di gratitudine. Si ha un senso nuovo dei giorni trascorsi e di quelli che verranno. Su questa base possiamo pensare, ideare, costruire giorno per giorno la nostra Visione di vita.

Il racconto è terapia, la visione è energia.

Per questa edizione di Vision che si terrà a Milano il 30 settembre avrò un dono stupendo: la presenza di Andrea Pilotta che con Garzanti ha pubblicato “La rivoluzione d’amore”. Non posso raccontarvi Andrea, si deve presentare con i suoi sguardi, la voce, i racconti. Posso solo dire che è una persona lieve e di presenza travolgente allo stesso tempo. Generoso. Strambo. Scrive bene. Ma lui soprattutto è il papà di Totta e Papo. Totta è qui, in questa dimensione, Papo è al di là dell’Infinito: il libro parla di Papo e del perché sia un supereroe. Ma parla anche di Totta, della Mamma e di tanto altro.  Io l’ho letto due volte e seguo Andrea ogni giorno, leggo le lettere che scrive a Papo e le trovo travolgenti, sempre. Il libro poi ha un valore aggiunto, Andrea dona parte del suo compenso all’associazione  www.davideildrago.it  che finanziala ricerca  sulle cardiopatie congenite. 

Che vi devo dire? Vision con Papo. Che regalo meraviglioso.

 

Facebook Comments
Share This