web marketing per gli scrittori

Gli scrittori sono da sempre la voce sensibile di una società e delle sue trasformazioni. Sia perché riescono  a cogliere le istanze di cambiamento in anticipo, le avvertono e le raccontano sia perché la scrittura può essere – e lo è stata anche in modo drammatico – coscienza stessa della società, depositaria di valori a difesa dei quali si è schierata. Non dimentichiamo che attraverso i libri sono passate le rivoluzioni e un libro in molti casi, anche in questi nostri tempi, ha significato per il suo autore una condanna a morte.

Chi scrive però è anche difensore della creatività, dei mondi fantastici in cui possiamo perderci,  avventurarci e riconoscere noi stessi.  La lettura è rifugio, stimolo, consolazione: per questo il ruolo degli scrittori è importante, basilare nella crescita di una persona e di una comunità.

Gli scrittori  devono essere presenti nel mondo, dialogare con la realtà e con il pubblico dei lettori.

 

web marketing per lo scrittore

Come può fare chi scrive a incontrare il pubblico? Dove stanno oggi gli scrittori, dove vivono? Dov’è possibile parlare con loro?

Come può fare chi scrive a incontrare il pubblico? Dove stanno oggi gli scrittori, dove vivono? Dov’è possibile parlare con loro?

Nelle presentazioni in libreria, senza dubbio, quando il libro è già stato pubblicato; in un’ora di tempo e in un ambiente in cui ci stanno sedute circa 50-60 persone. Negli eventi dedicati al libro, dove gli scrittori firmano le copie e non c’è molto tempo per dialogare, per fare domande. Sono palcoscenici che è giusto calcare, da sempre connaturati allo scrivere. Il pubblico però oggi sapete dove sta? Dove sta la maggior parte dei lettori? In rete.

Guardiamo fuori confine per capire come sta andando

Quando leggo o sento dire che gli scrittori non debbano pensare a comunicare online  ma solo a scrivere, che non spetti a loro portare avanti una strategia di web marketing mi sembra che sia il retaggio di un vecchio modo d’intendere la figura dello scrittore, o meglio,  si rinuncia a confrontarsi con la comunicazione che si evolve ogni giorno. Basta guardare a personaggi come D’Avenia che sta facendo una splendida comunicazione online, Baricco che comunica attraverso la sua scuola, Lucarelli e tanti tanti altri. Raccontano se stessi, la loro professione e la loro opera. Vendono? Certo. Mi auguro che sia davvero superata l’idea romantica della scrittore che non sa neppure far di conto.

Guardiamo al panorama inglese e americano se vogliamo capire come gestire strategie social produttive e gratificanti dove la capacità di scrivere, la sensibilità, l’espressività emergano come contenuti di qualità da trasmettere agli altri. Seguo tanti autori stranieri, osservo con molto interesse per esempio il percorso di Joanna Penn, The creative Penn, i suoi video e i suoi articoli – come quelli di tanti altri autori – forniscono indicazioni utili a chi vuole scrivere; inoltre colgo quanto questi autori, nel loro blog, con la loro presenza, sappiano creare feeling con i loro lettori raccontando come nasce un’opera, le difficoltà organizzative, i rapporti con gli editori. 

Apprendere nuove informazioni e crescere

In Italia è più difficile vedere questa evoluzione. Incontro molti autori, lavoro con loroe quando ci confrontiamo sulla diffusione dell’opera in genere mi dicono “io non ho tempo di stare sui social, non è compito mio”  “io non lo so fare” “Ma perché dovrei farlo?”

Che cosa vuol dire? Di chi è il compito? Lo sanno che è tempo prezioso se ben gestito? Perché non si può imparare, non ci si può far aiutare?

L’abbiamo detto, gli scrittori devono dialogare con il loro pubblico che a sua volta vuole interagire con loro, dare un feedback sul libro, confrontarsi con chi l’ha scritto.

La visibilità offerta dalla rete non sarà mai eguagliabile (almeno ora) da nessuna presentazione in libreria o da qualsiasi, anche tra i più grandi, eventi dedicati al libro. Anche un esordiente che ha appena pubblicato se sa comunicare online può raggiungere numeri impensabili di lettori.

 

web marketing per lo scrittore

Spero davvero che chi scrive comprenda l’importanza di essere presenti in rete e di esserlo al meglio.

Da tempo ormai penso ad un format che possa aiutare gli scrittori in questo cammino; un corso, un evento che trasmetta indicazioni utili e molto pratiche da applicare nell’immediato per promuoversi, farsi conoscere in rete.

Ho incontrato, grazie alla passione comune per la scrittura, Fulvio Julita, digital strategist: si occupa di strategie di comunicazione  online per le imprese, è competente e molto bravo a veicolare concetti tecnici e suggerimenti davvero efficaci. Gli ho parlato di questa mia idea chiedendogli la disponibilità a dare un supporto pratico agli scrittori e l’ha accolta con entusiasmo.

Da questo nasce web marketing per lo scrittore, un corso di una giornata, denso di elementi che daranno agli scrittori le competenze di base per avviare al meglio la loro comunicazione online. Si svolgerà a Milano il 26 maggio: spero  che chi scrive comprenda l’importanza di essere presenti in rete e di esserlo al meglio perché, in effetti, piuttosto che comunicare male è meglio non esserci, non farlo.  Sarebbe controproducente.

Certo richiede impegno, sforzo ma è anche un modo – e questo secondo me è l’aspetto più bello – per far conoscere il valore di una passione che può dare molto agli altri.  Aggiungo che oggi gli editori, oltre ad essere presenti in rete, seguono molto gli autori e quando trovano il connubio tra contenuti di qualità e capacità a gestirli online sono loro stessi a contattarli. Molte pubblicazioni stanno nascendo in questo modo. 

Mi confronto sempre con le strategie online, cerco di trasmettere a chi mi segue contenuti di valore, utili a risolvere problematiche, a vedere con più chiarezza quale percorso intraprendere ma è tanto, davvero tanto, quello che apprendo ogni giorno. Il lavoro su me stessa in relazione ad una nuova forma di comunicazione è stato formativo, ha portato numerose e interessanti relazioni professionali, confronti, opportunità. Mi ha anche permesso creare un gruppo meraviglioso, il gruppo fb writing way-scrittura efficace in cui il lavoro sulla scrittura è incessante e gratificante. 

 

Facebook Comments
Share This