web marketing per gli scrittori
Il vero fulcro di una storia, ciò che la rende coinvolgente sono i personaggi.

Perché le storie funzionino  devono narrare vicende di personaggi ben costruiti. Così come un film non può sperare di avere successo di pubblico senza dei bravi attori, calati nella parte. Non a caso pongo sempre lo studio dei personaggi tra i capitoli più importanti nei corsi di scrittura creativa.

Possiamo avere una serie di accadimenti avvincenti, una costruzione ineccepibile, una grammatica perfetta, ma se il lettore non si sente coinvolto dai personaggi, l’autore non ha svolto il suo lavoro nel modo migliore. La storia non decollerà.

Del resto – lo ripeto sempre – che cosa sono le storie, le narrazioni se non racconti di vita in cui ci si possa riconoscere e condividere emozioni?

 

web marketing per lo scrittore
Che cosa sono le storie, le narrazioni se non racconti di vita in cui ci si possa riconoscere e condividere emozioni?

Costruire un personaggio è un processo impegnativo ma essenziale.

Partire dai personaggi invece che dalla storia può essere molto utile. Che cosa significa? Molti autori si arrovellano sulla trama e fanno bene ma c’è anche un’altra strada nell’ideazione di un romanzo, di una storia. Iniziate ad osservare “una persona”; se avete riferimenti reali bene se è un personaggio del tutto immaginario guardatelo nella vostra immaginazione. Dategli un carattere, un passato: provate a sentire la sua voce, a vedere come si muove, come parla, in che modi si relazione con se stesso e con gli altri. Vedrete che anche la storia prenderà forma.

Qual è il compito dello scrittore

Compito dello scrittore è conoscere ogni sfumatura della biografia dei suoi personaggi. Non gli deve sfuggire nulla.

Dovrà descrivere le loro reazioni e, per fare questo, dovrà conoscere ogni aspetto: infanzia, adolescenza, problemi familiari, amicizie frequentate, traumi o gioie negli anni precedenti, tic, gesti, abitudini, vizi, incubi, sogni, segreti, pensieri mai espressi. Il personaggio che noi incontriamo nelle prime pagine di un romanzo è il risultato di tutto il suo passato, come del resto una persona in carne ed ossa di cui possiamo fare conoscenza nella nostra quotidianità.

L’autore di un buon romanzo è quello che ci fa capire e sapere tutto quello che serve dei suoi personaggi letterari, senza dover inserire ogni peculiarità della loro vita. Dovranno essere i lettori a intuire o a creare con la loro immaginazione quello che caratterizza ogni personaggio, questa è una delle chiavi del saper scrivere bene.

 

I personaggi secondari, figure indispensabili

Che si tratti di un libro o di un racconto, più o meno breve, i personaggi hanno dei ruoli ben precisi. Oltre al protagonista, la figura principale attorno al quale ruota tutta la trama, compare una serie di personaggi secondari, figure indispensabili per lo sviluppo della storia.

I personaggi secondari: nonostante l’aggettivo che sembra sminuirne l’importanza, sono dei componenti essenziali per lo sviluppo della storia. Senza di loro, il protagonista sarebbe debole o non saprebbe contro chi combattere.

Batman non sarebbe stato lo stesso senza Robin, ma addirittura nessuno se non ci fosse stato un Joker contro difendere la città. Il percorso dell’eroe presenta i suoi intoppi, drammi, discese per poi risalire. I personaggi secondari creano tutto questo pathos.

Il personaggio secondario è così importante che a volte ha efficacia anche se non fa nulla. Senza una Elena rapita, non ci sarebbe stata alcuna guerra di Troia. Lei non agisce, ma la passività del suo personaggio, provoca non pochi sconvolgimenti. Stesse conseguenze innesca Lucia ne I promessi sposi, una donna che non prende mai alcuna decisione, ma vive in completa balìa degli eventi.

Ad essere onesti c’è qualche caso in cui il personaggio secondario non esiste. Ne Il deserto dei Tartari, il capitano Drogo attenderà per tutta la vita qualcuno che non arriverà mai. L’attesa della “grande occasione” che non arriverà mai è il fulcro del romanzo.

web marketing per lo scrittore
Il personaggio secondario è così importante che a volte ha efficacia nella storia anche se non fa nulla.

Quando sono presenti, i personaggi secondari possono essere un mezzo sfruttato dall’autore per spiegare eventi del passato, per chiarire situazioni oscure al protagonista, aiutare nelle indagini, descrivere degli stati d’animo magari con una chiacchierata. Compito del personaggio secondario, quindi, può essere anche chiarire dei punti o di far fluire gli eventi in maniera più scorrevole. Oltre al personaggio principale, quindi, c’è tutta una rete di compresenze indispensabili per la buona riuscita di una storia. Non a caso, l’Oscar nella cinematografia viene assegnato anche agli attori non protagonisti.

Possiamo dire che siano un cast di supporto e sono più complessi quanto più si avvicinano ad essere protagonisti o ad interagire in modo costante con il protagonista stesso. Eppure ci sono stati scrittori che hanno saputo creare personaggi secondari indimenticabili: qualcuno riuscirebbe ad immaginare Le avventure di Sherlock Holmes senza il dottor Watson?

Oppure Frodo Begging ne Il Signore degli Anelli senza il suo fedele amico Sam?

Il personaggio secondario non è una comparsa

Il personaggio secondario non deve essere inteso come una comparsa che ha un ruolo molto  più marginale; si tratta invece di avere una funzione che potremmo definire di appoggio, spesso sono determinanti per imprimere punti di svolta al romanzo, per farsi portatori di informazioni basilari, per difendere il protagonista da un nemico. Basti pensare alla saga di Harry Potter in cui i personaggi secondari sono figure indimenticabili, ben costruiti, forti: da Hagrid a Luna, a Sirius Black.

La cosa ben chiara è che il personaggio secondario non è per nulla un personaggio minore, anzi, da questa figura dipende sia il protagonista che la buona riuscita della storia: più è ben costruito maggiore sarà la resa della narrazione.

Un corso online dedicato alla costruzione dei personaggi

Ti segnalo un corso online dedicato alla COSTRUZIONE DEI PERSONAGGI che ho curato personalmente dal titolo “Costruire personaggi efficaci“: è un corso suddiviso in lezioni che potrai vedere comodamente a casa tua quando vorrai. Nel corso si ripercorre tutto l’iter di creazione dei personaggi, troverai inoltre numerosi esercizi che ti saranno utili per comprendere come funziona questo affascinante percorso di conoscenza e rivelazione dei caratteri (o personaggi) letterari.

Ecco poi altro materiale che ti può essere utile, nel mio blog trovi i seguenti articoli da leggere per approfondire la tematica dei personaggi:

Come scrivere nel modo migliore il parlato dei personaggi

Costruire un personaggio? Ecco la prima cosa da fare

Voglio indicarti anche un video che di certo ti interesserà.

 

Facebook Comments
Share This